Chiama per un preventivo gratuito

+39 0836 424454

Cerca soluzioni vacanze

Cosenza Indietro

Informazioni generali Informazioni generali

Stagione lirica al Teatro Rendano durante i mesi invernali. Premio Sila per le Lettere e le Arti in primavera. A maggio si disputa la gara automobilistica Coppa Sila. Nel circondario cosentino appartenente alla Sila Grande vi è Camigliatello Silano, una stazione di turismo invernale ed estivo in cui si svolgono sagre come quella del fungo e feste tradizionali e a febbraio il Carnevale del Pollino.

I piatti presenti nei menù di Cosenza fanno parte di una antica tradizione: a cominciare dai maccaruni alla toranese per continuare con i vermicelli alla sammartinese, per finire con la pasta fatta in casa con i ferretti. Gustosi anche i piatti di carne trai quali il più famoso è il capretto ripieno. L'entroterra cosentino è invece la patria del fungo che viene preparano i tantissimi modi o conservati sott'olio. I vini sono del Pollino  e dell'Esaro.

Notizie e curiosità Notizie e curiosità

Cosenza, città della Calabria e capoluogo dell'omonima provincia, è situata nella parte settentrionale della regione, sul fianco orientale del colle Pancrazio rivolta verso la confluenza del Busento nel Crati. La parte antica della città è adagiata sulle pendici del colle e sistende ai lati del corso Bernardino Telesio mentre la parte nuova si è sviluppata oltre il fiume Busento, ad Ovest del corso Mazzini, co una serie di ampie strade, piazze e giardini.
Città antichissima, Cosenza ebbe origine quasi sicuramente in epoca anetriore alla fondazione delle colonie greche nel territorio. Conobbe il dominio Romano, Saraceno, Normanno e Turco. Dei monumenti e mausolei antichi è rimasto solo il sepolcro di Luigi III d'Angiò. Tra le opere del periodo medioevale, ricordiamo: la magnifica cattedrale, la chiesa di Santa Caterina, la chiesa di San Francesco di Paola e la chiesa di San Domenico.
E' proprio il centro storico a caratterizzare Cosenza, la cui storia  si intreccia con quella romana sin dalle guerre puniche. Autori del nucleo storico urbano furono personaggi illustri di grande levatura come Federico II che ricostruì la Cattedrale. L' altro famoso sovrano che fece grande Cosenza fu Isabella di Aragona di cui si può ammirare il monumento gotico del 1600.
Cosenza
è forse l'unica città della Calabria a conservare im portanti tracce urbanistiche della propria storia, a partire del periodo ellenistico, fino al'epoca romana. Di notevole importamza anche i palazzi di pregevolissima fattura recanti i nomi delle famiglie alle quali appartenevano: i Vaccaro, i Ciaccio, i Falvo, i Contestabile e altri. La città di Cosenza è ricca di attivtà commerciali e centro di smistamento di prodotti di tutti i tipi: agricoli, zootecnici e legnami.

Strutture ricettive